la voce

15/11/2014

 

Articolo su “La Voce”: Temporary Manager, una risorsa per le aziende

 

In quattro anni ha raddoppiato il volume di affari. Grazie ad un imprenditore lungimirante, ma anche e soprattutto alla scelta di affidarsi ad un Temporary Manager per la riorganizzazione dei processi. Cosa che gli ha permesso di rispondere in modo ottimale alle ambizioni di crescita e alle sfide del mercato.

E’ una piccola favola del Nordest, protagonista un’azienda in provincia di Padova, che progetta, produce e installa impianti, tra le prime tre aziende del suo settore nel panorama mondiale. Una realtà che lavora in un mercato in espansione, con una forte vocazione all’esportazione, e che offriva la possibilità all’imprenditore di pensare in grande e di essere ambiziosi. Ma per raggiungere gli obiettivi si sarebbe reso necessario rivedere completamente la struttura dell’azienda. L’intervento del ‘temporary manager’, un manager esterno che per quattro anni ha lavorato prima come direttore operativo, quindi come direttore generale, hapermesso di riorganizzare struttura e processi, mettendoli poi in grado di continuare da soli.

Ha colto la potenzialità di questa figura anche la Regione Veneto, che ha messo a disposizione un milione di Euro agli imprenditori del Polesine che intendano avvalersi della collaborazione di un TM come risorsa per uscire dalla crisi (http://www.regione.veneto.it/web/bandi-avvisi-concorsi/dettaglio-bando?_spp_detailId=2674534). Un supporto importante per le realtà produttive di un territorio che più di altri sta patendo la crisi, ma anche un implicito riconoscimento del ruolo decisivo che un TM può giocare nel cambiare le sorti di un’impresa.

Il Temporary Manager è una figura ancora nuova in Italia, dove si affaccia solo negli anni Novanta, ma ampiamente utilizzata nei Paesi anglosassoni. Si tratta di un professionista di alto livello, con esperienza e preparazione specifica che gli permettono di intervenire in una realtà quando questa si trova a dover fronteggiare dei cambiamenti, in positivo come in negativo. Lavora per affrontare le crisi, ma anche per creare nuovi assetti in vista di ampliamenti, aperture di nuovi mercati o i passaggi generazionali. Proviene da ambienti di cultura manageriale superiori, possiede un network di esperienze maturato grazie al lavoro in diverse aziende, ha una visione esterna, dall’alto, e non si mette in competizione con le risorse interne. Vantaggi per l’azienda? Costi certi, tempi certi e obiettivi chiari e condivisi. Insomma, un jolly che spariglia le carte del mazzo e le ridistribuisce per una mano vincente.

Protagonista della nostra storia è Alessandro Lotto (www.alessandrolotto.local), che a soli 40 anni è stato tra i più giovani TM a raggiungere la funzione di Direttore Generale di una media azienda in Italia. Ha alle sue spalle una laurea in Ingegneria a Padova, 10 anni di esperienza in ruoli manageriali, diverse pubblicazioni e Master in Italia e all’estero, tra cui il Master in Business Administration presso la Henley Business School in Inghilterra. Ma non gli basta. «L’approccio analitico di questi studi, un tempo tipici e sufficienti per un manager, non garantisce più una adeguata velocità di reazione ai cambiamenti imposti dalle sempre mutevoli condizioni economiche, sociali e politiche da cui un azienda dipende e neppure l’elemento sostanziale della creatività che deve accompagnare un percorso di innovazione – puntualizza Lotto – Ecco quindi che l’approccio che utilizzo per guidare il cambiamento in azienda è un incrocio di strumenti gestionali classici con strumenti visuali e narrativi, una ricetta che rende più facile la condivisione della ‘vision’ a tutti i livelli organizzativi».

Siamo ben lontani dal ruolo dai famigerati e temuti ‘tagliatori di teste’ che venivano chiamati per chiudere le aziende o ridimensionare il personale. Il Temporary Manager ha infatti come suo scopo principale quello di valorizzare il tessuto aziendale, in tutti i suoi preziosi tasselli, e di rilanciare i processi ponendo le basi per la crescita. Il tutto in pochissimo tempo, dal momento che i tipici contratti vanno dai 6 mesi ad una massimo di 3-4 anni.

Una ricetta vincente, dunque, quella del Temporary Manager, soprattutto in questo momento di grave crisi congiunturale che sta mettendo in ginocchio moltissime piccole e medie aziende. Ma anche un’occasione per cogliere al meglio le opportunità che un mercato in grande cambiamento sta vivendo.